“Fare qualcosa che non ami, qualcosa che ti rende infelice, frustrato e brutto per il resto dei tuoi giorni, è molto simile a passare tutta la tua vita in prigione. Dall’altra parte, fare un lavoro che ti fa stare bene con te stesso e con gli altri e che valorizza il tuo talento è una della cose più significative che possano accaderti”. 

Queste parole potrei averle scritte io, e invece le ha scritte un bocconiano, Mba, imprenditore e docente di Imprenditoria presso la SDA Bocconi School of Management, Jacopo Perfetti, nel suo libro Inventati il lavoro.

Ma anche se il tuo obiettivo è un posto in azienda, va bene uguale: in ogni caso il tuo scopo dev’essere di valorizzare il tuo talento.

Decidere di cercare un nuovo lavoro, decidere che è arrivato il momento di cambiare, è sempre una bella cosa, soprattutto se è una scelta e non una decisone che altri prendono per noi. Però è un vero e proprio lavoro, che può occupare anche diversi mesi, e bisogna avere innanzitutto gli strumenti giusti per muoversi bene e ottenere dei risultati positivi.

Quali strumenti servono?

Il curriculum, certamente, e poi un profilo LinkedIn aggiornato e completo. Nella mia attività di coach ho aiutato diverse persone a trovare o cambiare lavoro, e  così ho deciso di creare un servizio ad hoc proprio per chi vuole rimettersi in gioco, cercare qualcosa di nuovo, migliorare la sua posizione e il suo stipendio, avere nuove sfide da affrontare.

Ecco cosa ha detto chi ha lavorato con me:

Da Lavinia ho avuto un supporto pratico e professionale. Mi ha aiutato ad analizzare la mia situazione e mi ha dato degli spunti di riflessione per migliorarmi, non limitandosi solo ad ascoltare senza giudicare, ma anche trasformando il mio cv in uno strumento potente. Le sono davvero grata (K.C.).

Ho chiesto a Lavinia di aiutarmi nella revisione del mio cv: risultato ottimo. È stata rapida ma puntuale, incisiva e chiara. 
Conclusione: pubblicato il cv sono stata contattata da diverse multinazionali che si sono complimentate per l’immediatezza del contenuto (C.C.).

E tu sei pronto? Mettere mano al proprio curriculum è il primo passo: significa  dare valore alle tue esperienze professionali, ma anche a quelle personali – aspetto che in molti ritengono superfluo – ed è anche un modo di prendersi cura di sé stessi, riflettendo su ciò che si vuole.

Questo servizio fa per te se

  • sei alla ricerca di un nuovo lavoro
  • sei inoccupata a seguito di una maternità, e ora hai deciso di rimetterti in pista
  • hai un curriculum nell’orrido formato europeo (o in word, che più o meno è lo stesso!)
  • non sai da che parte cominciare per rendere il tuo cv più accattivante
  • hai un profilo Linkedin ma non ci hai scritto dentro quasi niente
  • hai un profilo Linkedin ma non ti ha mai contattato nessuno
  • hai già provato a mandare cv in giro, senza risultati

Cosa faccio io

Scrivere un cv non è solo mettere assieme dei dati asettici (cosa hai studiato, dove hai lavorato, dove sei nato…) ma personalizzarlo in modo da renderlo unico, esattamente come è unico ognuno di noi. Solo così potrai destare interesse nel tuo interlocutore, perché il tuo scopo primario è destare il suo interesse, giusto?

Il tuo cv insomma deve farsi notare, sia nella forma (quindi NO a quell’orribile formato europeo né a un foglio word) sia nella sostanza (quindi NO alle frasi in terza persona, stiamo parlando di te!).

Insieme, con una o più sessioni (di persona o via Skype) cercheremo di capire cosa cerchi, dove ti piacerebbe lavorare e cosa ti piacerebbe fare, ed elaboreremo un curriculum che ci porti proprio là.

Come funziona in concreto e quanto costa

Scrivimi e ci fissiamo un appuntamento, senza impegno, ci conosciamo di persona o via Skype. Questo primo incontro è assolutamente gratuito.
Dopo questa prima sessione conoscitiva, se decidi di continuare, mi mandi il tuo cv così io comincio a dargli un’occhiata.

Il costo del servizio è variabile, da un minimo di 200€ a un massimo di 400€. Una volta che avrò visto il tuo cv e capito il lavoro da fare, potrò farti un preventivo più preciso.

 

SalvaSalva SalvaSalva SalvaSalva SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalvaSalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva