impressioni_settembre

Impressioni di settembre

31 agosto 2018, n. 4
Questa estate è stata un po’ strana, un po’ più faticosa del solito, e tutti i programmi di lavoro che avevo fatto sono saltati.
E per prima è saltata la newsletter di fine giugno, quella che doveva chiudere appunto prima dell’estate, e me ne scuso con tutti voi, ma ero veramente a terra.
Questa newsletter vi arriva mentre io sono altrove, lontano, ma in prossimità del rientro, ma ci tenevo a scriverla e spedirvela per due motivi fondamentali.

Il primo motivo è che sabato 15 settembre alle 15,30 parlerò di introversi all’Open day di Accademia della felicità, la scuola di coaching e formazione che ho frequentato per diventare una coach e con la quale tuttora mi formo.
Prima e dopo, durante l’intera giornata, ci saranno altri interessanti interventi, potete vedere il programma completo sul sito di Accademia.
Benché sappia già che mi costerà molta fatica – sono un’introversa doc, e come molti di noi, non amo parlare in pubblico –sono anche molto felice di questa occasione per raccontare un po’ di più cosa sono e come sono gli introversi, aka tutti noi.
Spero ci siano un bel po’ di introversi, e anche un bel po’ di estroversi curiosi di capire qualcosa di più su di noi.

Il secondo motivo riguarda la partenza ufficiale del gruppo su La via dell’artista, un percorso di crescita personale di cui non mi stancherò mai di parlare perché ha degli effetti, delle conseguenze, davvero ‘magiche’ sulla vita delle persone. Ci incontriamo una volta al mese per 7 mesi, e insieme cerchiamo di recuperare la nostra creatività perduta – o dimenticata in un cassetto. Questo gruppo è al completo, ma a gennaio ne partirà un altro.
Se siete curiosi di sapere più approfonditamente cosa succede durante questo percorso, seguitemi su Facebook: farò del mio meglio per raccontarlo!

Infine, benché l’estate sia stata un po’ così, in alcuni sprazzi di tranquillità coincidenti con la voglia di fare, ho fatto l’unica cosa (lavorativa, intendo) che mai mi sarei aspettata: ho pianificato le mie attività. La pianificazione non è proprio il mio pane – mai stato – ma sentivo che era la cosa che più aveva senso fare per stressarmi un po’ di meno nel corso dei prossimi mesi. E così l’ho fatto, ho elencato tutte le cose che voglio fare, i progetti, le idee, li ho spalmati nel corso del prossimo anno ‘scolastico’, sono entrata pian piano nel dettaglio spaccandomi il cervello, ho cercato di mettere insieme e incastrare i progetti lavorativi con quelli personali e familiari, insomma un lavoraccio, che però mi ha dato soddisfazione e che sono piuttosto certa mi darà soddisfazioni anche nei mesi a venire.
Vi terrò informati...
Se volete saperne di più sull’argomento pianificazione dovete assolutamente seguire la mia amica e collega Micaela Terzi, regina della pianificazione, che mi ha insegnato tutto quello che so e che ho applicato, e lo insegna sempre con un occhio al divertimento – niente excel insomma! Per l’autunno ha in serbo grandi novità, perciò se fossi in voi farei un giro sul suo sito ThePaperCoach a conoscerla…




Un libro

Tra i molti che ho letto quest'estate, la maggior parte gialli/polizieschi/thriller per svagarmi meglio, voto 'Delitto fatto in casa' di Farinetti




***********************************************

Una canzone

Impressioni di settembre (in una versione che non avevo mai sentito)



A presto!


Lavinia
facebook pinterest

[foto di ]

Se ricevi questa newsletter è perché mi hai lasciato la tua mail al Club degli Introversi o perché ti iscritt* volontariamente sul mio sito. Quando cambi idea ti puoi cancellare dalle mie liste senza remore.

MailPoet