Tag: Conciliare lavoro e vita privata

Possiedi la tua storia

Dove vai se l’autostima non ce l’hai?

Nel mio lavoro di coach incontro quotidianamente tante donne che vogliono cambiare lavoro e che sono insoddisfatte di quello che fanno, e quindi arrivano chiedendomi una mano per fare altro. Il problema che però riscontro molto spesso è che prima di mettersi alla ricerca di un nuovo lavoro hanno bisogno di capire meglio cosa non sta andando in quello in cui si trovano, e cosa possono fare per avere un approccio più adeguato, e quindi più utile per loro, sul lavoro. Quello che vedo maggiormente mancare è, insomma, una delle “fondamenta” necessarie per costruire qualsiasi cosa nella vita, ossia l’autostima.

Cosa significa per me lavorare in proprio

Lavorare in proprio: cosa significa per me

Lavoro in proprio, nel senso reale del termine, da circa 6 anni nel mondo del coaching. Ma in modo “fittizio” sono sempre stata una freelance e ho raramente lavorato come dipendente. Questa recente esperienza, tuttavia, è stata decisamente la più formativa sia grazie alla natura del lavoro che svolgo – che è di per sé formativo e di crescita – sia perché effettivamente è stata la prima esperienza da “one (wo)man show”. E ho imparato davvero un sacco di cose.

Cambiare lavoro e cambiare vita

Secondo alcuni studi pubblicati negli Usa vi è un atto un fenomeno insolito e interessante: un deciso aumento del numero delle persone che scelgono di dimettersi per non tornare a una dimensione lavorativa pre-Covid che non riescono più a tollerare, soprattutto dopo aver provato le “gioie” (non sempre) dello smart working: la chiamano the Great Resignation.

La vita e il lavoro, il lavoro e la vita

Torno su questo tema perché mi appassiona molto e perché imparo ogni giorno qualcosa di nuovo lavorando con i miei clienti.
Alle volte pensiamo a questi due temi, la vita e il lavoro, come fossero due film diversi tra loro, come fossero due ‘cose’ del tutto scollegate, distanti, sconnesse. Siamo una certa cosa sul lavoro, ma nella vita è tutta un’altra cosa, che c’entra? Davvero?

Il lavoro è (tutta) la nostra vita o c’è vita oltre il lavoro?

Che poi è un po’ come chiedersi: vivere per lavorare o lavorare per vivere? E la mia risposta è che assolutamente SÍ, c’è dell’altro oltre il lavoro, e se te lo stai chiedendo ora forse è perché giunto il momento di mettersi a cercare la risposta, la tua risposta intendo, che non è detto che sia uguale a quella di chi ti sta accanto (di scrivania, o nella vita) – anzi ti svelo un segreto: è sicuramente diversa!

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén