Il successo

Il successo secondo me

Qualche settimana fa ho tenuto delle ore di lezione a una classe di neolaureati su come si costruisce il proprio cv. Tra i tanti argomenti su cui abbiamo ragionato insieme c’è stata anche una parte dedicata alla nostra idea di successo, ossia rispondere alla domanda che cos’è per te il successo?

Presentarsi è importante

Presentarsi è importante, impara a farlo

Ancora troppo spesso vedo cv e profili Linkedin senza una presentazione, un breve testo in cui raccontare chi sei e cosa ti muove, cosa ti ispira, dove sei stato e verso dove ti vuoi muovere. Di solito si aprono subito un elenco di ciò che si è fatto e di cosa si è studiato, dando per scontato che chi legga sia interessato principalmente a questo, il che può essere vero, ma è altrettanto vero che se le prime righe che leggo mi annoiano a morte, difficilmente vado oltre. Se nemmeno tu hai una presentazione, ecco alcuni consigli su come rimediare (ossia: la risposta alla domanda “cosa ci scrivo in questa presentazione???”).

Cosa farò durante questo secondo lockdown

Non è facile arrendersi alla prospettiva che le cose non andranno come desideriamo né come avevamo pianificato, ma trovo che l’unico modo sensato (almeno per me) di sopravvivere e andare oltre è pensare al domani, a ciò che potrà essere in futuro. Perché un futuro, di certo, ci sarà!

Uno psicologo spiega perché un introverso dovrebbe invertire giorni feriali e festivi

Un modo per dare agli introversi maggiore energie e sanità mentale può essere quella che è stata definita come un attacco alla personalità (personality hacking), ossia adattare il proprio stile di vita alla propria personalità, in modo da funzionare meglio: invertire i giorni lavorativi e quelli festivi può essere una di queste strategie. Cosa significa di preciso?

Com è andato il mio ‘shopping ban’ (e perché l’ho fatto)

Dallo scorso 21 settembre, fino al 16 ottobre, io e il gruppo del Mentoring Club ci siamo lanciate una sfida: un mese senza acquisti, salvo quelli necessari. Tra di noi ci sono le shop addicted, le sobrie, le equilibrate, le compulsive, le attente: un po’ di tutto insomma. E c’è chi come me ha subito pensato: ma non ho bisogno di fare uno shopping ban, sono una consumatrice attenta e consapevole! Subito dopo è però arrivata la coach dentro di me a dirmi: ma se sei così sicura perché non partecipi? Così verifichi questa tua convinzione! E così ho fatto.

Pagina 1 di 25

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén